My Sport e Salute: arriva l’app per connettere gli italiani e lo sport

Arriva un’applicazione scaricabile in maniera gratuita per connettere gli italiani e questo mondo. Si chiama “My Sport e Salute”, e punta a garantire un’occasione di sport per tutti: da chi lo pratica uno o due volte alla settimana, ai professionisti del settore, fino a chi deve organizzare la lezione di tennis o di nuoto dei propri figli, alle società sportive di base radicate sul territorio (una trentina per ora), alle associazioni.

E poi, ancora, le federazioni, gli enti di promozione sportiva, i gruppi sportivi civili e militari, le oltre 100mila associazioni e società sportive dilettantistiche e i 14 milioni di tesserati. Una piattaforma per mettere in collegamento i 7903 comuni italiani e i 77mila impianti sportivi esistenti per avvicinarli a tutti gli appassionati, grandi e piccoli, di ogni livello.

La soluzione viene messa in campo dopo un lungo periodo di pandemia Covid-19 che gioco forza, anche a causa delle misure restrittive adottare per contenere la crescita dei contagi, soprattutto nelle fasi più difficili, ha allontanato alcuni italiani dalla loro grande passione: lo sport. Un’occasione per coniugare lo sport con la digitalizzazione, nella direzione di uno sport personalizzato, a portata di mano, che faciliti la vita delle persone.

«L’obiettivo di questa app è di connettere gli italiani allo sport e allargare la base. Il digitale ci può consentire un salto di qualità. Dobbiamo mettere a frutto le opportunità che la tecnologia ci dà a disposizione», ha spiegato il presidente e Ad di Sport e Salute Vito Cozzoli . La logica è quella di creare le condizioni perché prenda forma una grande community. «Questa non è una app di Sport e Salute ma di tutti i cittadini e gli appassionati. Una piattaforma digitale aperta, gratuita – ha sottolineato Cozzoli – al servizio di tutti: dei territori, delle società sportive di base, ossatura sociale e civile del nostro paese, ma anche dei fruitori, degli italiani. Oggi con la tecnologia lo sport ha la possibilità di fare un salto di qualità. Con un click si annullano le distanze: si può programmare l’evento sportivo del proprio figlio. La fruizione dello sport sta cambiando: l’obiettivo è semplificare la vita delle persone per accedere all’attività sportiva». «È uno strumento in progress, aperto, pronto ad accogliere le istituzioni sportive, le società, le federazioni: gli organismi sportivi potranno promuovere la propria attività, anche sulla base del marketplace. Questa – ha concluso Cozzoli – è l’applicazione di tutti. È l’app degli appassionati, dei praticanti e degli sportivi».