Da Vienna il brevetto per il vaccino del raffreddore

Un ricercatore dell’università di Vienna ha brevettato un vaccino contro il raffreddore che potrebbe essere messo in commercio entro sei-otto anni. Come ha spiegato l’ideatore Rudolf Valenta, il vaccino messo a punto ha come obiettivo il guscio protettivo del microrganismo, che si ancora alle mucose della bocca, del naso e della gola e nello stomaco favorendo l’aggressione, e che non varia tra i diversi ceppi.

Abbiamo preso alcuni frammenti del guscio – ha detto Valenta in un’intervista all’Independent – attaccandoli ad una proteina di trasporto. E’ un principio molto vecchio, riprogrammare la risposta immunitaria sull’obiettivo giusto”.

La ricerca, ha poi sottolineato, è in fase avanzata: “Con la prima proteina che abbiamo costruito abbiamo un’inibizione molto buona della malattia, siamo convinti di essere sulla buona strada. Se riusciremo ad avere i fondi per i test clinici possiamo metterlo a punto in sei-otto anni”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi