Alessia Zecchini: una donna che vive in simbiosi con il mare

Vive in simbiosi con il mare, la casa accogliente dove ha incontrato la maestosa balenottera azzurra, e s’immerge nelle profondità di se stessa, cullata dal ritmo del cuore. Alessia Zecchini, pluriprimatista mondiale di apnea, racconta la gioia di stare ” sotto” , le campagne in difesa degli abissi e di come (infine) ha imparato a chiedere aiuto. Mentre si allena a difendere il suo record

Essere una cosa sola con l’infinito mare blu. È questa la felicità per Alessia Zecchini, 29 anni il 30 giugno, la donna più profonda del mondo, detentrice del record mondiale di apnea femminile a meno 113 metri. Più di una carriera da pluriprimatista, 31 record frantumati in 11 anni di attività, più degli ori mondiali, 16, a spingerla “sott’acqua” è l’amore.

«La gioia pura di esplorare gli abissi è il motivo principale per cui ho deciso di dedicarmi all’apnea. Cerco sempre il contatto con il mare, sentire l’acqua che mi scivola addosso quando mi tuffo. La curiosità e la meraviglia sono due elementi irrinunciabili di quello che faccio. La voglia di migliorarmi, di scendere sempre più giù nasce da qui, dal desiderio di entrare in sintonia con l’universo sott’acqua. Con la consapevolezza che la forza che la natura esercita in questo ambiente è molto maggiore di quanta possa esprimerne io, e che per starci bene bisogna rispettarlo». Fonte: Io Donna

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi