Tutte al mare,ma basta pareo!

copertina_Abbigliamento-mare-estate-2016Domenica di luglio, non tutti siamo ancora in ferie, ma il weekend per tutti è tempo di spiaggia, tempo di scoprirsi. Ma anche di coprirsi. Se la prova costume non è da sottovalutare, non lo è nemmeno il look con il quale arrivate sul bagnasciuga. Diciamoci la verità: il pareo è davvero anni ’90 e non rende giustizia alla voglia di moda che non ci lascia mai, nemmeno quando dobbiamo essere minimal. Ma le alternative al classicone per eccellenza non sono mai state così tante come quest’anno.
camicione-ricamato-a-manoLa camicia oversize: che potete anche rubare dal guardaroba del vostro lui. Per un effetto easy chic.

 

 

 

 

 

 

Caftano-biancoIl caftano: può essere lungo o corto ed è super gettonato se coloratissimo. E’ un effetto “vestito” senza essere un abito e copre tutto (ideale per i primi giorni, quando ancora non vi sentite proprio a vostro agio).

 

 

giletIl maxi gilet: freschissimo e super glam, ricorda un po’ i festival della musica Coachella, frequentato dalle star di tutto il mondo. Sceglietelo in pizzo, in tessuto coprente o versione gipsy.

 

 

maxigonnaLa maxi-gonna: quella che avete comprato per la città e che non avete mai messo, sì, quella. Ora è il momento di utilizzarla in spiaggia. Ideale per passare subito all’aperitivo al tramonto.

I pantaloni coulottes: se pensavate di utilizzarli solo in città vi sbagliavate di grosso. Questa estate per andare in spiaggia sfoggiateli con una camicia aperta e le infradito più carine che avete.

La salopette corta: in denim o in tessuto leggero, è la scelta più comoda e glam per avere un total look subito fatto.

Gli shorts in denim: dove se non al mare? Perfetti da indossare da soli solo quando avete un costume intero (trend dell’estate in caso vi fosse sfuggito).

La tuta intera: ovviamente in tessuti rigorosamente leggeri. Vi permette di coprivi dalla testa ai piedi senza risultare inadeguate. Sceglietela in una bella fantasia e con la scollatura: è pur sempre estate!

L’abito prendisole: lo trovate già nel vostro armadio, in tutti quegli abitini comprati e mai indossati perché troppo corti, troppo trasparenti, non adatti all’ufficio, troppo casual per la sera.