Strategie antispreco

In questo periodo storico di crisi economica vi proponiamo delle strategie antispreco cui ognuno di noi può ricorrere nella gestione della propria vita domestica al fine di ridurre i costi in bolletta.

 

Inoltre, l’impegno al risparmio energetico è un dovere civile per ogni cittadino, al fine di preservare le risorse del pianeta.

 

Energia elettrica. La modalità stand-by dei nostri elettrodomestici assorbe corrente elettrica con consumi significativi.
Quella lucina che è presente negli elettrodomestici, nei televisori, nei lettori di dvd, nei videoregistratori e in molti stereo. Non è tanto la lucina rossa a consumare, ma il dispositivo interno che mantiene il semispegnimento del dispositivo.
Il consiglio è di spegnere sempre il televisore con il pulsante meccanico che sta sull’apparecchio oppure di collegare tutti i dispositivi a una ciabatta elettrica con l’interruttore così da rendere più veloce la procedura di spegnimento.
E’ buona abitudine, inoltre, utilizzare solo lampadine a basso consumo energetico, abbandonando definitivamente quelle a filamento.
Infine, prima di collocare i piatti in lavastoviglie, eliminate i residui di cibo con un fazzoletto così potrete usare anche lavaggi a più basse temperature.

 

Gas. I maggiori responsabili degli sprechi energetici nella gestione del caldo e del freddo nella casa sono gli spifferi. Se potete, cambiate gli infissi. Altrimenti, provate ad isolare finestre e balconi con guarnizioni o altro.

 

Acqua. Ci sono diversi modi per fare economia sul consumo di acqua. Il primo è di bere quella del rubinetto, la cosiddetta acqua in brocca. Siamo il secondo o il terzo Paese al mondo per il consumo di acqua in bottiglia. L’acqua pubblica è controllatissima, anche più di quella minerale.
Chiudete sempre il rubinetto quando vi fate la doccia o lavate i denti. Fate lo stesso quando si lavano i piatti.
Installare un riduttore di flusso in tutti i rubinetti della casa, esso garantisce una buona pressione per i nostri lavaggi  e diminuisce ampiamente i consumi.