Sex toys, voi quale preferite?

sex-toysEra il lontano 1880 quando, un dottore londinese inventò il vibratore. Lo scopo era quello di curare l’isteria, il risultato fu quello di rompere i tabù dell’orgasmo femminile.
E’ passato più di un secolo, ed il vecchio vibratore, ottenuto modificando un attrezzo per spolverare, ha assunto le più disparate forme e dimensioni.

Esistono quelli manuali conosciuti con il nome di Dildo, quelli a doppia velocità di vibrazione, a doppia stimolazione, e addirittura capaci di raggiungere il famigerato punto G, che i nostri partner tanto faticano a trovare.

Potete sceglierli del colore e del materiale che preferite. Rosa glitterato o gold, in lattice o in UR3, un materiale innovativo che ricorda la pelle umana.
Oggetti piccoli e discreti da nascondere sotto al cuscino o da tenere in borsa per soddisfare le proprie voglie in qualsiasi momento.

 

Se, nonostante l’emancipazione femminile, conservate ancora un leggero senso del pudore, non temete. Esistono sex toys camuffati egregiamente! Gli animaletti piccanti ad esempio. Il più conosciuto è il papero, ma ne esistono di diversi pronti a donarvi piacere e poi a trasformarsi in simpatici soprammobili. Ancora più innocui il rossetto o il pennello per il trucco vibranti.

 

Originali le Ben-wa balls, meglio conosciute come “palline della geisha”. Delle sfere che ruotano in sfere più grandi legate ad un cordino che inserite nelle parti intime regalano piacevoli sensazioni.

 

Le nuove tecnologie, poi, hanno invaso anche questo ambito, regalandoci preziosi sex toys High-tech, collegati ad un telecomando e attivabili a distanza oppure collegabili al lettore mp3 per adattarsi al ritmo che più vi soddisfa.

 

Solitamente, questi oggetti sono usati per appagare le voglie solitarie delle donne, ma possono aggiungere un po’ di pepe anche alla vita di coppia. Provate ad utilizzare un anello vibrante o un wevibe durante un rapporto, farete la felicità di entrambi i partner.

 

State attente a pulirli bene prima e dopo l’uso e divertitevi. Non esagerate però, producono dipendenza!

Redazione