Rimuovere il tatuaggio è possibile?

imagesUn tatuaggio dovrebbe somigliare a un diamante, perlomeno per quanto riguarda la sua durata. Ma è ancora possibile dire che un tatuaggio, proprio come un diamante, è per sempre? Forse no. Se è vero che per molti un tatuaggio diventa davvero “un compagno per la vita” è anche vero che per altri un tatuaggio da disegno tanto desiderato si trasforma in segno detestato: un segno da rimuovere. E con la voglia di rimuoverlo cresce anche un’altra ansia: quanto costa liberarsi dei nostri inchiostri che un tempo avevamo tanto amato.

Il più delle volte la scelta di farsi fare un tatuaggio è una scelta ragionata a lungo, una scelta figlia di lunghe riflessioni e attente valutazioni: eppure questo non sempre basta a tenersi al riparo da spiacevoli pentimenti. Ma se hai un tatuaggio da rimuovere cosa deve aspettarsi la tua pelle? E, in base alle caratteristiche del tatuaggio da cancellare, cosa deve aspettarsi il tuo portafogli?

Ecco allora le dieci cosa da sapere quando si decide di dire addio al proprio tatuaggio

1) Non sempre è possibile la completa scomparsa – “Il laser non sempre cancella del tutto il tatuaggio, così come la gomma cancella il segno di una matita; l’efficacia del trattamento dipende da colore, profondità, densità e tipo di pigmento e dal fototipo del paziente, cioè dal colore della sua pelle (bianca, olivastra, nera)» afferma Siliprandi.

2) La professionalità è tutto – La strada migliore da seguire è quella di rivolgersi solo a professionisti esperti del settore, in grado di proporre tecniche moderne. “Al momento la tecnica più efficace è rappresentata dai laser q-switchati (laser Q-S), strumenti che producono un impulso laser di brevissima durata (nanosecondi, alcuni miliardesimi di secondo) – dice il vicepresidente di Aicpe -. Questo distrugge le cellule entro le quali sono accumulati i granuli di pigmento, spezzandoli in frammenti più piccoli (diametro variabile da 10 a 100 millesimi di millimetro) che vengono smaltiti nei liquidi corporei o da cellule migranti nel corso dei giorni e delle settimane successive. Ripetuti trattamenti, distanziati da un congruo periodo di tempo (in genere 45 – 60 giorni) per consentire la spontanea rimozione dei pigmenti, consentono di perseguire la progressiva scomparsa del tatuaggio”.

3) Scegliere bene il periodo dell’anno per farlo – E’ necessario calcolare bene i tempi, perché rimuovere un tatuaggio è un processo lungo: sono necessarie diverse sedute distanziate di circa 6-8 settimane. L’esposizione della cute trattata al sole o a lampade abbronzanti dev’essere evitata almeno per un mese, avendo cura, nelle corso delle prime esposizioni, di utilizzare creme a filtro solare ad alta protezione (filtri 30+-50+).

4) Difficile calcolare quante sedute saranno necessarie – E’ difficile sapere in anticipo quante sedute serviranno per rimuovere un tatuaggio. Nei casi più facili variano da 3 a 5, mentre in quelli più difficili si arriva a 8-12 sedute. In una minima percentuale di casi il trattamento può essere insoddisfacente. Dipende da diversi fattori: il tipo di tatuaggio (quelli professionali sono normalmente più difficili da rimuovere a causa della maggior profondità del pigmento e della sua elevata densità); il colore (il verde, l’azzurro e soprattutto il giallo, sono molto difficili (a volte impossibili) da rimuovere, mentre il rosso, in alcuni casi, può scurirsi, per effetto di eventuali materiali ferrosi presenti nel pigmento). I tatuaggi più vecchi sono più facili da eliminare rispetto a quelli più recenti, perché il corpo ha già eliminato una parte del pigmento.

5) Più è grande il tatuaggio, più tempo sarà necessario – La durata di ogni singola seduta dipende dalla superficie del tatuaggio da rimuovere. Una superficie di 4 centimetri di lato viene trattata in una decina di minuti. Sesto, i tatuaggi cosmetici (sopracciglia, labbra, areole, camouflage di cicatrici) di colore rosa-marron-arancio, devono essere trattati con molta prudenza, effettuando test su piccole aree prima di procedere al trattamento completo, in quanto “contengono zinco e ossido di titanio e se trattati con il laser Q-S possono annerirsi irreversibilmente”, dice lo specialista di Aicpe.

6) Un lavoro lasciato a metà è un lavoro lasciato a metà – Il paziente può interrompere il trattamento di rimozione in qualsiasi momento, consapevole però che in questo modo il lavoro non è completato.

7) Per belli apparire, bisogna soffire … – Il trattamento con laser Q-S è doloroso. Per ridurre il dolore viene di norma applicata della crema anestetizzante 30 minuti prima della seduta e durante il trattamento applicato del ghiaccio sulla cute.

8) Più la pelle è scura, più difficile sarà la rimozione – La rimozione è più problematica per chi ha la pelle scura. “Chi ha la pelle olivastra, mulatta o nera o comunque di colore più scuro del tatuaggio da rimuovere corre un forte rischio di alterare la pigmentazione”, spiega Siliprandi -. La rimozione è sconsigliata anche a chi ha la tendenza a sviluppare cicatrici ipertrofiche o cheloidee, a chi presenta infezioni attive della pelle. Attenzione invece a terapie farmacologiche o con farmaci foto sensibilizzanti.

9) Il “post operatorio” – Dopo il trattamento si formano sulla pelle delle bollicine. È indicato trattare la pelle con unguenti antibiotici e applicare una medicazione occlusiva con garza vaselinata per uno o due giorni, fino alla formazione delle croste.

10) La “sindrome” da tatuaggio fantasma – Infine, si deve sapere che, in corrispondenza del tatuaggio rimosso, potrebbe rimanere una sorta di ombra chiamata “fantasma del tatuaggio”. Può durare alcuni anni o anche per sempre.