Per la primavera fa tendenza la gonna lunga ed il pantalone a palazzo

gonne pantaloneLinee svasate, corti e lunghi, colori chiari e sgargianti, pizzi e fiori, pantaloni a zampa. E’ un ritorno negli anni Settanta, ma allo stesso tempo anche una ripresa della moda anni Novanta a caratterizzare la primavera che è ormai alle porte. Sono tornati a caratterizzare le passerelle i pantaloni a palazzo, dopo un decennio di indiscusso predominio dei pantaloni stretti, che pur resistono. Dalle gonne lunghe ai pantaloni palazzo senza dimenticare gli intramontabili jeans, un evergreen per tutte le stagioni, le socialite, le fashion icon e le fashion insider, insieme a qualche blogger hanno già inaugurato la stagione tornando a forme più fluide, ampie e femminili.

“Si può infatti essere trendy e al passo con la moda anche se si è vegan, basta dare uno sguardo alle sfilate, captare i temi più ricorrenti tra i vari stilisti e farne tesoro in modo da ricercarli tra i brand etici” afferma Stefania Sergi, la vegan fashion blogger che svela i must have per la stagione primavera/estate 2015 con qualche piccolo consiglio anche su come indossarli.
Tra i  colori di gran tendenza “troviamo  il giallo senape: solare, allegro e vivace, anche se lo abbiamo indossato già durante l’inverno ci terrà compagnia anche durante la bella stagione. Da indossare con fantasie floreali o con i pois, altri due trend che indosseremo durante la primavera-estate 2015″. Il colore più in voga e più discusso, sottolinea la vegan fashion blogger, “è il marsala, una sorta di bordeaux molto chiaro, visto e stravisto su modelle e celebrities, ma ancora un po’ latitante tra gli scaffali dei negozi”.
Ma come abbinarlo? “Visto che ci avviciniamo alla bella stagione sfruttiamo un altro colore di tendenza: il bianco. Mischiamo così due tonalità estremamente attuali e alla moda in un unico outfit: ad esempio se vogliamo valorizzare le gambe potremmo scegliere una gonna bianca e una blusa  leggera color marsala”. Per Stefania, “il must è indossare gonne lunghe, altro trend di questa primavera-estate, da evitare però se l’altezza non è il nostro forte. Se preferite i pantaloni, scegliete il modello palazzo: largo e a vita alta rende le gambe più lunghe ed è estremamente femminile”.
Per scongiurare il look anni ’70, “basterà evitare fantasie floreali, borse con le frange e zeppe e preferire invece un crop top o una camicia, una clutch o una mini tracollina e decolletè con tacco alto”. Sempre dagli  anni ’70 “ritorna anche l’abito chemisier da indossare con scarpe ultra piatte come le ballerine o le attualissime inglesine se vi piace mixare diversi stili”.
Lo chemisier, spiega Stefania, “teoricamente andrebbe indossato con una cintura legata in vita e un paio di shorts, una minigonna o addirittura nulla sotto, ma visto che siamo ancora in attesa della primavera, meglio optare per un pantalone a sigaretta o un paio di leggings per creare un look armonioso”.
Che sia inverno, autunno, primavera o estate c’è un capo che non va mai in vacanza: stiamo parlando ovviamente del jeans. “Può cambiare il modello, ma ‘lui’ rimane fedelissimo nel nostro armadio essendo in assoluto il capo più versatile ed evergreen di sempre. Lo possiamo indossare davvero in ogni momento della giornata, anche in ufficio: basterà scegliere un modello semplice, senza strappi o applicazioni, magari nero o blu scuro e abbinarlo ad una camicia e ad una giacca”.