Metodi alternativi per perdere peso: fidarsi è bene…

Cosa c’è di meglio di un buon pasto? Il cibo migliora l’umore e ci rende soddisfatti. Unico neo quei fastidiosissimi chili di troppo che, a ridosso dell’estate ci fanno storcere il naso.
Eccoci allora impegnate nella ricerca di diete efficaci  per rimediare ai peccati di gola in poco tempo. I metodi alternativi per perdere peso che ci vengono proposti sono numerosi, non sempre funzionanti e qualche volta al limite dell’improbabile.
Quelle di cui si sente parlare più spesso ultimamente sono senza dubbio la Dieta Dukan e la Dieta Tisanoreica, vediamo di cosa si tratta.
Il nutrizionista francese Pierre Dukan ci suggerisce un ritorno alle origini della specie umana con una selezione di 100 alimenti provenienti dal mondo vegetale e da quello animale.
La dieta si svolge in quattro fasi:
la prima dai risultati immediati che prevede l’assunzione esclusiva di proteine pure;
la seconda in cui si alterneranno giorni con sole proteine e giorni con proteine e verdure;
la terza che ci consentirà di tornare gradualmente ad una normale alimentazione ed in fine la quinta fase per il mantenimento del peso raggiunto.
Pare che questo metodo sia molto apprezzato dalle star, un po’ meno dagli esperti secondo i quali i chili persi tanto rapidamente sono destinati ad essere recuperati.  Simile alla Dukan è la Tisanoreica di Gianluca Mech. Anche in questo caso sono favorite le proteine, con la differenza che a provvedere al nostro sostentamento saranno cibi in polvere e beveroni vari. Che i chili di troppo vengano eliminati è certo, rimane il rischio dell’effetto yo-yo e il sospetto che dietro al metodo dimagrante di Mech si nascondano scelte puramente commerciali.
Se invece non volete affrontare una dieta, potete provare con metodi più stravaganti ed incerti, come indossare occhiali con lenti blu durante i pasti. Pare infatti,  che vedere le pietanze di questo colore le renda meno invitanti. E ancora,potreste provare gli Slim Rings, dei particolari anelli in silicone da applicare agli alluci. La loro funzione è quella di stimolare, durante la camminata, muscoli che non vengono stimolati normalmente  rendendo,però ,il nostro modo di camminare alquanto buffo.  Ma tutto questo funziona davvero? A voi l’ardua sentenza. Il nostro consiglio è quello di seguire una dieta personalizzata con la guida di un esperto e di svolgere una regolare attività fisica. D’altra parte è sempre meglio non lasciare il certo per l’incerto!

 

Monica G.