L’estate la stagione del tradimento

tradimento-estate-2012Sarà colpa del caldo, dei vestiti più audaci e della voglia di sentirsi leggeri, tutti fattori che fanno dell’estate la stagione dell’amore spesso fedifrago. Scientificamente è provato che grazie all’aumento dei ferormoni il richiamo sessuale diventa più intenso e le passioni si accendono! Anche la quantità di luce solare gioca poi un ruolo importante, perché stimola la produzione di serotonina e alza i livelli di testosterone. Inoltre, grazie al sudore e gli odori, maggiore è l’intensità dei ferormoni che attivano un vero e proprio richiamo sessuale.

Ma cosa ci spinge a tradire di più in estate?

Inoltre l’estate favorisce le occasioni d’incontro: si passa infatti più tempo all’aria aperta, frequentando bar, piscine e luoghi di villeggiatura. Conoscere persone nuove è uno stimolo positivo e qualche volta una tentazione capace di mettere in discussione i rapporti consolidati. Un incontro dall’atmosfera speciale può trasformarsi in un’evasione, ma prima di passare all’azione non dimenticare di chiederti se ne vale la pena e tieni conto che, se sei in coppia, avrai poi i sensi di colpa da affrontare. È importante riflettere sul bisogno di fuga dalla routine, perché quando la tentazione diventa irresistibile si rischia di finire nelle mire di traditori seriali o, peggio, di diventarlo… minando così la salute della nostra coppia.

La motivazione che muove chi tende a tradire in modo ripetuto non è tanto l’attrazione esercitata da una conoscenza fuori dal comune, bensì il bisogno di rinforzare la propria insicurezza e mettersi alla prova. I traditori seriali hanno una buona dose di narcisismo e nella fase iniziale tentano di creare un’atmosfera di grande cura verso l’altro, in modo da far vacillare ogni difesa. Attenzione però: una volta divorata una preda, tendono subito a passare alla successiva, anche se il corteggiamento serrato ha spesso l’effetto di creare un circolo vizioso per l’altro, per cui si crea una sorta di dipendenza.

La routine in amore prevede anche momenti di noia, in cui ci sentiamo più lontani rispetto al partner, è normale che questo accada perché vivendo insieme ci si cala nella realtà di tutti i giorni, fatta anche di difficoltà, ruoli da mantenere e preoccupazioni. Tuttavia, quando i momenti di tensione salgono e diminuisce drasticamente la voglia di stare insieme è il momento di riflettere. Quando l’impressione è di non capirsi più un tradimento rischia solo di acuire le tensioni e creare distanza. In questi casi il rapporto su cui puntare è quello con il partner o il rischio è di ritrovarsi estranei sotto lo stesso tetto.