La donna è più incline alla dipendenza da internet

Gli scienziati tedeschi dell’Università di Bonn hanno pubblicato uno studio sul Journal of Addiction Medicine secondo il quale la donna è più incline a sviluppare una forma di dipendenza da Internet.

 

E questa dipendenza non avrebbe origini psicologiche ma una variante genetica, la stessa che spinge le persone a sviluppare una dipendenza come quella da fumo.

 

Essere dunque ossessionati dal doversi collegare ogni giorno, e magari più volte al giorno, al social network come Facebook o i vari Twitter, oppure per lo shopping online, non è una questione “mentale”, ma sarebbe dovuto proprio a questa presunta variante genetica – che a quanto pare colpisce più le donne che non gli uomini.

 

Lo studio è stato condotto su un campione di 843 persone di entrambi i sessi, di cui i ricercatori hanno valutato la loro inclinazione a utilizzare la rete e l’influenza che questa ha sulla vita degli stessi. Tra i soggetti considerati ben 132 hanno manifestato una spiccata dipendenza da internet che li spinge a collegarsi più volte al giorno, magari per controllare la propria pagina Facebook o Twitter, oppure per fare shopping online.

 

Le caratteristiche dei “web-dipendenti” sono poi state confrontate con quelle di un gruppo di persone “sane”. Dall’analisi comparativa è emerso che chi dipende da internet spesso ha anche ereditato questa variante genetica che a quanto pare è più diffusa tra le donne.