Le donne sono più intelligenti degli uomini

Le donne sono più intelligenti degli uomini. Forse è da sempre così, o forse lo sono diventate più di recente per necessità, per gestire in maniera combinata famiglia e lavoro, casa e carriera.


Questo risultato emerge dall'analisi dei test sul quoziente intellettivo (QI) nei quali le donne, per la prima volta, hanno superato gli uomini. Lo studio e' opera di uno dei più grandi esperti di QI, il neozelandese James Flynn.


Per 100 anni le donne hanno registrato punteggi inferiori rispetto agli uomini di almeno 5 punti, tanto da convincere gli psicologi che vi fossero delle differenze genetiche alla base di un tale "gap". La differenza si è andata sempre più assottigliando, fino ad oggi, quando gli esperti hanno sancito lo "storico" sorpasso.


Flynn ha spiegato al Sunday Times che "Negli anni è cresciuto il QI di entrambi i sessi, come conseguenza della modernità: la vita più complessa sfida il nostro cervello che si adatta e aumenta le nostre capacità. Ma il QI delle donne è cresciuto più in fretta".


La modernità, secondo lo studioso, sembra avere agito da stimolo più sulle donne che sugli uomini.
Due le teorie per spiegare il fenomeno. Una è che le donne d'oggi, costrette a una vita multitasking,  in cui devono giostrare allo stesso tempo famiglia e lavoro, abbiano sviluppato una maggiore intelligenza. L'altra è che abbiano sempre avuto potenzialmente un'intelligenza superiore agli uomini, ma solo adesso possano esprimerla, perché più libere di avere un ruolo autonomo.