Il giallo,sempre protagonista dell’estate

giallo-il-colore-dellestate1Non c’è blu, verde o rosso che tenga. Il giallo è sempre il vero protagonista dell’Estate. È vivace, solare, eccentrico ed è il colore più adatto alla stagione in cui tutto (o quasi) è permesso. Le esperte di moda dicono che sta bene sia alle bionde che alle more, sia alle giovanissime che alle donne più mature, basta saperlo abbinare con gusto e con un tocco di creatività.
Eppure il giallo, per quanto bello e luminoso, può risultare difficile da indossare, da accostare ad altre tinte. Dunque, meglio avere delle linee guida per non sbagliare e per portare il colore dell’Estate 2016 in modo trendy, originale e bello.
Per un look brillante ma anche chic e non troppo eccentrico, il giallo va abbinato con il nero. Tubino nero, tracollina e sandalo flat giallo fluo, ad esempio. Oppure, pantalone skinny nero e canotta gialla, o ancora bikini giallo limone e caftano nero con dettagli gialli a riprendere il costume; 3 look da segnare per essere trendy senza dare troppo nell’occhio. In alternativa al nero si può provare anche con il grigio, con il bianco o con il cuoio, per un risultato ancora più bon ton e vintage.
look-gialli-per-la-primaveraVuoi osare? Il nero lascialo nell’armadio e scegli un eccentrico rosa fucsia. L’abbinamento è perfetto di giorno e di sera. È luminoso, abbagliante e difficilmente passa inosservato. Si può abbinare un vestitino giallo a collane e bracciali in plastica fucsia. Indossare uno short culotte giallo e un top crop rosa brillante o ancora optare per un look all’insegna del denim giocando con accessori di entrambi i colori.
Il blu royal, o blu brillante, è un altra tinta che quest’estate non può mancare e che non il giallo non sta affatto male, anzi, da proprio l’idea delle vacanze e del relax. Un abito giallo starà benissimo con un’infradito o con una zeppa blu acceso. Ma il colore più glamour della stagione si sposa bene anche con il verde, con l’arancio, con il turchese, con l’oro e il bronzo. Insomma, con il giallo quest’estate si può davvero giocare come si vuole, osando di più o di meno, rimanendo sul classico o sprigionando tutta la creatività che è in noi. Senza paura di sperimentare.