Il cuscino portafedi protagonista della cerimonia in chiesa

cuscino1Lo scambio degli anelli è uno dei momenti più emozionanti della cerimonia nuziale. I due sposi si scambiano le fedi, piccoli cerchi perfetti simbolo di amore eterno, durante la promessa di matrimonio. Le fedi fanno il loro arrivo all’altare adagiate su un portafedi che il più delle volte è portato dal paggetto o da una damigella oppure, secondo tradizione, consegnato da un testimone all’officiante della cerimonia.
Il compito di sciogliere il nastrino che lega le fedi è dello sposo che per primo mette la fede alla sposa, la quale ricambierà il gesto. Per il suo significato simbolico il portafedi ha assunto una notevole importanza nel corso degli anni, per cui gli sposi amano scegliere con cura questo piccolo accessorio pieno di significato. Qualsiasi sia il modello scelto, non deve mancare il nastrino che lega le due fedi, perché il momento in cui lo sposo le scioglie, rende ancora più intenso lo scambio degli anelli.
Ne esistono di diverse tipologie e di svariati materiali, possono essere di forma quadrata, a cerchio, rettangolari o romantici a forma di cuore che simboleggia l’amore. Inoltre possono essere realizzati in raso, in pizzo, in seta, dello stesso tessuto del vestito da sposa, in satin ricamato a fiori o ricamati a punto croce. Esiste anche la versione preziosa con applicazioni di cristalli swaroski o di perle. Il cuscino portafedi può anche essere realizzato personalmente dagli sposi che desiderano elemento particolare.
cuscinoUn modo per personalizzare il cuscino portafedi è ricamarvi sopra i nomi dei futuri sposi o le loro iniziali e la data del matrimonio. Per chi è abile nel punto croce può anche farlo personalmente, altrimenti basta recarsi in sartorie specializzate. Personalizzando il portafedi si crea un oggetto da utilizzare, non solo per il giorno delle nozze, ma da mostrare come prezioso elemento decorativo della nuova casa, ricordo di momenti indimenticabili.
legnoSeguendo le tradizioni e le usanze, il giorno del matrimonio la sposa deve avere le mani completamente libere di gioielli, questo per dare il giusto valore alla fede nuziale una volta messa al dito. Le fedi nuziali, il giorno del matrimonio, devono essere conservate su di un cuscino portafedi, legate da un prezioso filo di tessuto e portate in chiesa o in comune da un paggetto o damigella che le consegnerà agli sposi al momento dello scambio degli anelli. Il cuscino portafedi deve essere confezionato con lo stesso tessuto del vestito o richiamare il tema del matrimonio, come i fiori. Sempre seguendo le tradizioni, il cuscino verrà consegnato dal pagetto o dalla damigella ad uno dei testimoni, che lo consegnerà a sua volta al sacerdote per la benedizione.