I neonati possono uscire anche d’inverno

copertinaLo sostengono tutti i pediatri: anche i neonati di poche settimane possono uscire, anzi è consigliato. Se si partorisce durante l’inverno, nulla vieta alla neo mamma e al bebé una bella passeggiata rilassante e antidepressiva. Infatti, uscire di casa con il piccolo è un ottimo antidoto alla tipica malinconia post parto, fa sentire meno sole e isolate. Se fuori fa freddo, la preoccupazione principale della madre (ma anche dei parenti vari) è che il bimbo si ammali. In realtà, a meno che il clima non sia davvero gelido, l’inverno è gestibile anche con la carrozzina. L’importante è imparare a vestire adeguatamente il neonato e avere a portata di mano tutto l’occorrente, anche per il benessere della mamma.
Cotone sulla pelle – Un errore comune delle neomamme al primo figlio, è vestire il piccolo con intimo di lana o felpato. Anche se sono rari ormai, in commercio esistono ancora body di lanetta molto pesanti e che rischiano di far sudare “male” il neonato. A contatto con la pelle, bisognerebbe utilizzare solo e soltanto cotone o lino. Questi tessuti sono traspiranti e mantengono la pelle asciutta, scongiurando anche le più comuni irritazioni da sfregamento.

tutoneLe tutine in ciniglia – In confronto a microscopici jeans e maglioncini, le classiche tutine di ciniglia intere non sono certamente il massimo del glamour. Ma, trattandosi di neonati, si punta su comodità e tessuti confortevoli. La tutina intera, con i classici bottoncini, tiene al caldo senza infiltrazioni d’aria sul pancino e senza il rischio di piedini gelati o sudati. Sopra la tutina, se fa veramente molto freddo, si può aggiungere una felpa di cotone non eccessivamente pesante.

La tuta o il sacco imbottito – Le scuole di pensiero, o le preferenze delle mamme, sono due: alcune prediligono la classica “tutona” imbottita per il bebé, altre invece scelgono il sacco. Quest’ultimo ha dalla sua il vantaggio di scatenare meno pianti nel momento della vestizione: prima di uscire, è infatti sufficiente infilare il bambino nel sacco imbottito.

saccoCarrozzina, passeggino o fascia – Quando il clima è molto freddo, la carrozzina dà l’idea di proteggere al meglio il bambino dalle intemperie. Merito sia delle coperture in dotazione sia della posizione sdraiata del bebé. Invece, contrariamente al pensiero comune, anche in inverno la fascia è confortevole e garantisce calore al piccolo. In questo caso, però, meglio coprirlo con la classica tuta imbottita. Da non dimenticare mai: cappellino e guanti, anche se questi ultimi finiranno a terra nel giro di pochi secondi. Inoltre, la fascia è ideale anche in caso di pioggia o neve, poiché permette alla mamma di reggere l’ombrello agevolmente.

Attenzione alle mani della mamma – Succede quasi sempre: quando ci si occupa di un neonato, ci si dimentica di se stesse. E se fa molto freddo, è un classico delle neomamme uscire senza guanti, per poi ritrovarsi a spingere carrozzine e passeggini con due ghiaccioli al posto delle mani. In questi casi, la borsa salvavita risulta fondamentale. Come riempirla? Con un cappellino di riserva per il piccolo (nel caso lo lanciasse a terra), un ombrellino tascabile, una mantella pieghevole e due paia di guanti per la mamma.