Dov’è finito il sex symbol mondiale?

Festival-di-Venezia-Johnny-Depp-più-chili-meno-fascinoE’ uno dei sex symbol riconosciuti a livello mondiale, eppure nelle sue uscite pubbliche è spesso criticato per il suo aspetto. Anche a Venezia, dov’è sbarcato per presentare (in anteprima mondiale, ma fuori concorso) Black Mass, Johnny Depp è apparso ingrassato, sciatto e con i capelli unti.

Quello che rimane indiscusso è il suo talento camaleontico sul set, che lo rende di fatto uno degli attori più preparati sulla scena.
Dopo gli indimenticabili personaggi di Edward Mani di Forbice, Willy Wonka e Jack Sparrow, il trasformista Johnny Depp si è calato nei panni di James “Whitey” Bulger, uno dei più spietati boss americani.

Non un protagonista di fantasia stavolta, bensì un gangster a fine carriera, invecchiato, temibile ma dall’aspetto non proprio seduttivo. Canottiera bianca sotto al chiodo di pelle, collana d’oro, calvizie incipiente e denti ingialliti, sguardo di ghiaccio grazie a lenti a contatto azzurre e reso ancor più minaccioso con gli Aviator Sunglasses P’8478 di Porsche Design, Johnny Depp ha portato in scena un uomo spietato, arrogante e molto potente negli anni ’70, protagonista di una sporca alleanza con l’FBI. Il film uscirà negli Stati Uniti il 18 settembre ed è già attesissimo.