Consigli per combattere le ondate di calore

caldoQuando fuori le temperature sfiorano i 30°C per diversi giorni o addirittura settimane, questo periodo prolungato di caldo eccessivo viene chiamato “ondata di calore”. Questo fenomeno viene spesso accompagnato da un alto livello di umidità.
Se da un lato non esiste una definizione universale di “ondata di calore” (per le persone abituate al caldo questo fenomeno è più tollerabile che per quelle avvezze a un clima più fresco e che non sanno come minimizzare i rischi), il vero problema è quello di tutelare la propria salute e di reagire in tutta sicurezza all’impatto causato dalle temperature e dall’umidità elevate.
In generale, la nostra capacità di adattarci alle alte temperature viene influenzata dalla nostra salute, età e qualità del posto in cui viviamo.
Il calore spinge il corpo oltre i suoi limiti. Nel caso in cui sia estremo e l’umidità alta, l’evaporazione viene rallentata e l’organismo deve lavorare di più per mantenere la sua temperatura normale. Le difficoltà si presentano quando una persona si espone eccessivamente al calore e si sforza più del necessario. I soggetti che hanno più probabilità di esserne vittime sono gli anziani, i bambini, le persone malate e quelle in sovrappeso e decisamente fuori forma. È importante riconoscere che un’esposizione prolungata al calore può essere fatale. Ecco i problemi di salute che potrebbero scaturirne:
Crampi da calore. Si tratta di dolori o di spasmi muscolari che si manifestano a causa di un’esposizione prolungata. Sebbene i crampi dovuti al caldo non causino gravi problemi, rappresentano un’avvertenza ben precisa: il tuo corpo sta cedendo alle alte temperature.
Stanchezza causata dal caldo. Questo solitamente si verifica quando le persone fanno molta attività fisica o lavorano in un posto caldo e umido, dove i fluidi del corpo vengono persi a causa del sudore. Il flusso del sangue diretto alla pelle aumenta, decrementando quello che va verso gli organi vitali. Di conseguenza, si verifica una lieve forma di shock. Qualora non venisse trattato, la condizione della vittima peggiorerà, la temperatura del corpo continuerà ad alzarsi e potrebbe verificarsi un colpo di calore.
Colpo di calore o di sole. Il sistema che si occupa del controllo della temperatura corporea, che produce la sudorazione per raffreddare l’organismo, smette di funzionare. La temperatura può alzarsi abbastanza da causare danni al cervello e morte. Una persona che si trova in questa situazione va raffreddata velocemente. “Insolazione” è sinonimo di “colpo di calore”.
Ecco i capi di abbigliamento adatti:
Vestiti larghi, leggeri e di colori chiari.
Tessuti naturali (mai portare il cotone, ma puoi indossare il lino, la canapa, ecc.).
Evita di indossare indumenti di poliestere o di flanella, perché questi tessuti trattengono il sudore, rendendo ancora più intollerabile l’aria umida.
Copri il più possibile la pelle per evitare di scottarti.
Proteggi la testa e il viso portando un cappello a tesa larga.
Potresti portare indumenti prodotti con fibre sintetiche (come quelli sportivi), realizzati con il fine di repellere il sudore.
Evita i colori scuri, perché assorbono il calore. Quelli chiari lo riflettono.
Rimani il più possibile in casa. Non esporti al sole è il modo migliore per evitare di essere vittima dei danni provocati dal caldo. Inoltre, quando sei al chiuso, dedicati ad attività che non ti facciano sentire esausto.
Idratati costantemente. Bevi tanti liquidi, specialmente l’acqua.
Evita o minimizza l’alcool e le bevande carbonatate e contenenti caffeina, possono farti disidratare.
Bevi più di quanto pensi sia necessario. Devi reintegrare i liquidi persi a causa della sudorazione, e sudare è fondamentale per mantenerti fresco.
Mangia leggero. I cibi caldi, ad alto contenuto calorico o ad alto contenuto proteico accelerano il metabolismo del corpo e la sua temperatura, e questo è l’esatto opposto di quello che vuoi tu per sopravvivere a un’ondata di calore. Mangia frutta e verdure fresche, insalate, ecc. Consuma cibi leggeri e pasti ben bilanciati e regolari. Ecco cosa potresti provare a includere:
Macedonia.
Insalata.
Macedonia a base di melone, menta e lamponi.
Snack sani.
Gazpacho.
Quando fai sport, lavori o realizzi attività stancanti, tieni a mente quanto segue:
Quando fai attività fisica, rallenta il ritmo, non è questo il momento giusto per correre a lungo. Anzi, a dire il vero, forse è meglio evitare di farlo per qualche tempo, a meno che tu non possa dedicarti a questa attività di sera, quando la temperatura si abbassa. Se desideri esercitarti all’aperto ma non ti sei acclimatato alla temperatura, comincia lentamente e incrementa gradualmente il ritmo. Presta particolare attenzione a come ti senti. Se il tuo cuore batte forte o ti manca il fiato, fermati immediatamente, recati in un ambiente fresco per riposare e bevi abbastanza liquidi.
Per quanto riguarda il lavoro, non sforzarti troppo durante la parte più calda della giornata. Lavora in coppia quando fa estremamente caldo e prenditi pause frequenti. Nel caso in cui il tuo lavoro si svolga principalmente all’esterno, è probabile che il tuo capo si organizzerà fornendo un riparo o proponendo attività o orari alternativi, in modo da lavorare quando il caldo è meno opprimente. Lavori autonomamente all’aperto? Cambia l’orario, cerca di occuparti dei tuoi impegni al mattino presto per evitare il caldo asfissiante.
Respira con il naso per evitare di perdere liquidi dalla bocca. Ciò ti aiuterà a mantenere il corpo idratato più a lungo.