Come dire ai bambini che vi state separando?

Separazione-divorzioQuando si parla di separazione, il pensiero va subito ai figli, anche se decisa insieme e in un contesto sereno, la fonte di dolore principale sono sempre loro.
Non esiste una regola universalmente valida per spiegare la separazione dei genitori ai figli: le modalità e le tempistiche, infatti, dipendono dall’età del bambino e anche anche dal suo stato d’animo. Affidarsi a un esperto che possa sostenere in questo complicato percorso, è sempre un’ottima soluzione. La psicoterapia aiuta il genitore e, di conseguenza, apporta benefici anche ai bambini.

Quando dirlo – Innanzitutto, premettiamo che non sempre è necessario verbalizzare la situazione, ovvero spiegarla al bambino con le parole. Infatti, fino ai 4 anni circa di età del piccolo, gli esperti sono concordi nel sostenere l’inutilità di un “discorso” vero e proprio in merito alla separazione. Proprio perché in questa fase della crescita, i bambini non possiedono gli strumenti adatti per comprendere questo tipo di concetti.

Esserci sempre – Una delle prime cose da fare, quando ci si separa, è far sentire al bambino la propria presenza. Ancora prima di parlare della separazione, infatti, è bene far percepire ai bambini la sensazione di non abbandono, di amore costante e pieno di entrambi i genitori.

Come dirlo – Quando i bambini hanno l’età giusta per comprendere un discorso relativo alla separazione, verbalizzato a seconda dei casi in modo diverso, è importante sottolineare che i genitori si vogliono ancora bene e che sempre se ne vorranno. Ma che hanno deciso di vivere in due case separate. Focalizzarsi sul bene reciproco e sull’affetto immutato per i figli sono i presupposti fondamentali per questo tipo di discorso.

Parlarne allo stesso modo – Alcune coppie preferiscono parlarne insieme ai bambini, altri separatamente. Quello che dovrebbe essere deciso insieme è il contenuto del discorso, per evitare di confondere le idee al bambino e di portarlo, anche se inconsapevolmente, a parteggiare per l’uno o per l’altro.

Non parlare mai male dell’altro – Esistono regole ben precise riguardo ai discorsi sulla separazione con i figli. Una di queste, ferrea, è non parlare mai male dell’altro genitore. Così come è importante non portare mai il bambino a prendere le parti di mamma o di papà. Eventuali sentimenti di vendetta, rivalsa e rabbia vanno gestiti tra adulti e lasciati lontani dai bambini.