Come applicare la consapevolezza della meditazione al lavoro

Meditazione-a-lavoroSe credi che meditare sia qualcosa al di là della tua portata, inizia a ricrederti. Le tradizioni millenarie di tutto il mondo ci insegnano a coltivare la consapevolezza: l’abitudine a osservarti ti aiuterà a migliorare i problemi di ansia e stress, aumentando concentrazione e rendimento. Ecco le dritte per applicare alla tua vita lavorativa alcuni semplici principi in grado di dare una svolta alla giornata.

RESPIRA – Meditare è prima di tutto un esercizio di attenzione. Chiudi gli occhi, inspira, espira: visualizza l’aria che entra ed esce, riempiendo di ossigeno i polmoni e il corpo, dalla testa ai piedi. Il respiro profondo ti aiuta a gestire i momenti di ansia; ogni volta che senti arrivare l’agitazione cerca un angolo silenzioso e dedica un paio di minuti al tuo bisogno di pace. Inspira, espira.

AUMENTA LA FLESSIBILITÀ – Diversi studi hanno dimostrato che discipline come yoga, Qi Gong e meditazione Mindfullness contribuiscono a ridurre i problemi di stress e correggono le posture sbagliate, aiutando il corpo e la mente a ritrovare energia e vitalità. Fai un lavoro sedentario? Ogni tanto sgranchisci le gambe, stiracchiati, fai un minuto di stretching. Quando le tensioni muscolari scompaiono, siamo più distesi e comunichiamo una sensazione di rilassamento.

CONCENTRAZIONE – Meditare aiuta a focalizzare la mente: una risorsa che risulta preziosa nel mondo della Rete. Ogni volta che navighiamo su internet, rischiamo di perdere tempo prezioso, impigliati in una selva di distrazioni. Gestire i social non sempre è facile: inizia a osservare come ti comporti sul web. Datti un tempo e aiutati con una sveglia, se necessario. Sii consapevole di ciò che cerchi e di quali ostacoli incontri nel mantenere alto il tuo livello di concentrazione: imparerai a sfruttare meglio il tuo tempo.

ASCOLTO – Sei a una riunione? Prima di parlare nel tentativo di impressionare positivamente gli altri, ascolta. Meditare aiuta a sintonizzarsi con le proprie emozioni e insegna… a non avere fretta! Possedere una visione globale, al di là del proprio punto di vista, ti rende un professionista in grado di comprendere meglio i colleghi e trovare soluzioni creative.

EMPATIA – Ogni essere umano prova le stesse emozioni. Quando impariamo a vedere e prendere contatto con la nostra paura, rabbia, gioia, tristezza, diventa più facile mettersi nei panni dell’altro. Una comunicazione empatica migliora le relazioni e rende più leggero l’ambiente di lavoro. Trasforma le discussioni in un’occasione di confronto, anziché sentirti attaccato di fronte a una critica.

SILENZIO – Secondo i dati di uno studio statunitense guardiamo il cellulare, in media, oltre cento volte ogni giorno: nella maggior parte dei casi si tratta di una semplice occhiata. Quanto tempo perdi ogni giorno con le notifiche social o le mail? Inizia a dare più valore al tuo impegno quotidiano. Seleziona la modalità silenziosa sullo smartphone quando lavori, evitando di cadere nella tentazione di sbirciare status e aggiornamenti. Ritrovare il silenzio interiore contribuisce alla concentrazione e permette di focalizzare meglio i propri obiettivi, allenando memoria e attenzione.