Combattiamo la malinconia legata al cambio di stagione

autunno-586x390L’arrivo della brutta stagione può segnare un calo dell’umore che nei casi più gravi viene identificato come Sad, Seasonal Affective Disorder, un disturbo che nei Paesi dell’Europa del Nord colpisce fino a un quarto della popolazione, come in Inghilterra dove a soffrirne è circa il 24% circa delle persone. Fra le cause si riscontra la diminuzione della quantità di luce: quando si esce dal lavoro ed è già buio, tristezza e una sensazione di scoraggiamento possono farsi sentire, ecco perché è importante combattere la malinconia autunnale con alcune piccole strategie utili.

Con l’inizio di settembre le giornate tendono a accorciarsi sempre più. Inoltre, il rientro delle vacanze implica il ritorno alla vita quotidiana: insieme al lavoro e agli impegni scolastici ci si riorganizza e assesta sulla routine di sempre. Il rischio? Troppi impegni possono gravare su ansia e stress, senza contare l’umore a terra dei pomeriggi sempre più bui, quando, una volta usciti dal lavoro, la giornata sembra già alla fine. Sfrutta le ore di luce per uscire all’aria aperta. La prima idea da combattere è la convinzione di non avere abbastanza tempo: l’obiettivo è usare meglio le ore della giornata.

Anziché restare in ufficio, sfrutta la pausa pranzo per uscire e fare una passeggiata all’aria aperta. Quando hai una giornata libera, scegli le ore di luce per sbrigare le commissioni, andare in bicicletta o portare i bambini al parco. Organizzare un picnic o una merenda nel verde con le mamme degli amichetti sarà un fuoriprogramma piacevole ed entusiasmante. Secondo una recente indagine il momento migliore per sfruttare la luce è fra le 10 e le 12 del mattino, quando il sole raggiunge il suo culmine. Agendo sulla produzione di melatonina e vitamina D, i raggi solari hanno un’influenza positiva sulla qualità del sonno, combattono stanchezza e stress, oltre a migliorare l’umore.

Integratori a base di piante come la griffonia e la rodiola possono aiutare il tono dell’umore, favorendo il benessere mentale. Inoltre, con la griffonia è possibile combattere il senso di appetito continuo e la fame nervosa, che possono farsi sentire al cambio di stagione, quando le temperature scendono. Sai che la disidratazione ha effetto sulle funzioni cognitive? Bevi molta acqua. Per variare puoi tenere in borsa un thermos con tisane e tè: mirtilli, frutti di bosco, rosa canina attivano il microcircolo e potenziano le difese immunitarie. Rendi allegra la giornata con piatti capaci di solleticare il piacere del gusto. Cioccolato nero, frutti di stagione, mandorle e nocciole, verdure di produzione locale ti permetteranno di dare sfogo alla creatività inventando ricette gustose in grado di favorire il tuo benessere.

Trasforma la tua casa in un nido dove rilassarti e ritrovare energia. Sì a caldi tappeti, tanti cuscini morbidi e un salotto in grado di accogliere bambini e amici. Il giorno libero può diventare un’occasione per stare insieme, guardare un film, cucinare per la settimana e fare bricolage. Scegli un nuovo hobby da imparare nei prossimi mesi, sarà un’ispirazione in grado di accendere il tuo interesse. Ozio? No, grazie. Fare sport non allena solo il fisico, ma anche la mente e come documentato da diversi studi stare all’aria aperta fa bene alla salute, anche per i bambini. Passeggiate, trekking, nordic walking, pattini e corsa possono dare una vera e propria scossa all’umore.

Nella società contadina l’inverno segnava il riposo della terra. Oggi siamo lontani dai ritmi della natura, eppure avvicinarsi alla Madre Terra significa recuperare il contatto con il proprio mondo interiore. Crea un nuovo approccio al silenzio: viviamo in contesti così pieni di rumore che scegliere il silenzio può persino creare ansia, all’inizio. Durante il weekend stacca dalla tecnologia, abbassa la suoneria del cellulare, dimentica tablet e videogiochi. Esplora le aree verdi intorno a te, organizza passeggiate con famiglia e amici: ammirare gli splendidi colori dei boschi e sentire il vento fresco sulla pelle sarà un nuovo modo per fare pace con l’autunno.