Case alle giovani coppie

caseAccade in Italia questa volta, e non oltre i confini del bel Paese, la bella iniziativa della Giunta regionale dell’Emilia Romagna, con delibera n. 1572/2014, che ha ammesso al finanziamento tutte le richieste di contributo presentate dalle giovani coppie e altri nuclei familiari che desideravano acquistare una casa.
La Giunta regionale con delibera n. 1572/2014 ha ammesso al finanziamento tutte le richieste di contributo presentate dalle giovani coppie e altri nuclei familiari che desideravano acquistare una casa.
Ma la domanda sorge spontanea perché le altre regioni non fanno niente? Ed ancora di più perché lo Stato come in altre Nazioni non emana un decreto legge che renda obbligatoria questa possibilità per giovani? Gli stessi giovani, che restano a casa con i genitori, penalizzati dalle mancate possibilità finanziarie, non perché “bamboccioni”, come il simpatico ministro Brunetta dichiarò qualche anno fa’!
In realtà questi giovani sono costretti a rinunciare ad una parte dei loro sogni, e restano a casa, non privilegiano la vita di coppia perché sanno di non poterla vivere come è stato per la generazione dei loro genitori. Non sono diventati inaffidabili sentimentalmente per causa loro, ma anche a causa di una mancanza di possibilità economiche, che permetta di poter fare evolvere la coppia in famiglia.
Allora ecco perché ci piace sottolineare l’iniziativa della regione Emiliana, che con il programma “Una casa alle giovani coppie” oltre ad avere una valenza sociale e offrire delle opportunità alle giovani generazioni ha rappresentato e rappresenta un contributo significativo per il settore dell’edilizia e delle costruzioni, settori che hanno risentito fortemente della crisi, poiché attraverso l’incrocio fra la domanda e l’offerta di abitazioni favorisce l’utilizzo del patrimonio esistente e, allo stesso tempo, contiene il consumo del suolo.