Cannes vieta il tacco basso

taccobassoIl red carpet? Vietato alle ballerine.

Dove per ballerine non si intendono leggiadre danzatrici in tutù bianco, ma scarpe prive di tacco: a Cannes, infatti, sembra che il red carpet sia off limits per chiunque non indossi un tacco 10.

Si moltiplicano infatti le testimonianze di signore che sono state gentilmente “allontanate” perché non dotate di calzature adeguatamente alte. E’ successo alla prima di “Carol” di Todd Haynes, a quella di “The Sea of Trees” di Gus Van Sant. Lucie, 21enne studentessa di cinema, stava aspettando di entrare con il suo vestito da sera e le sue ballerine dorate, quando la sicurezza le ha fatto presente che non sarebbe stata ammessa a causa delle scarpe. E pare che la dura legge del tacco non faccia distinzioni, se è vero che anche la moglie di Asif Kapadia, realizzatore del documentario “Amy” su Amy Winehouse ha avuto lo stesso problema. Anche se poi, lei, è entrata.

In prima fila (figurata) a cavalcare la polemica, il magazine Screen. Tanto che la voce è arrivata alle Star con la S maiuscola: nella fattispecie Emily Blunt che, interrogata durante la conferenza stampa di “Sicario”, ha risposto trovando la cosa «deludente». «Non bisognerebbe proprio portarli i tacchi alti, tutti dovrebbero portarli bassi», ha spiegato.

Intanto, il Festival nega. «Il regolamento non è cambiato: per il red carpet, esige lo ‘smoking’ e la ‘tenuta elegante’ – spiega Thierry Frémaux, delegato generale del Festival di Cannes – niente che riguardi i tacchi». Polemica montata ad arte o triste verità?