A metter “mi piace”…comincia tu!

likeEsterno/ notte.
La cena era buonissima. Il vino delizioso. E tra sorrisi ammiccanti e carezze non poco audaci, Lui pronuncia la frase magica <<andiamo da me!>>.

 

Lei fa finta di tentennare, quando in realtà aveva già deciso. Ore ed ore prima. Un intero pomeriggio aveva cercato in tutti i modi di mettere in atto un restauro last minute, con ceretta, scrub per il corpo, mani, piedi, pacchetto all inclusive.


Come al solito in armadio con c’è nulla da mettere e va alla rincorsa dell’affare del giorno, cercando di non somigliare troppo alla Montalcini, ma nemmeno ad una baldracca nel suo giorno migliore.

I capelli ben stirati, le scarpe con tacco, sperando lui non proponga ‘’una passeggiata’’ ed un trucco naturale ma efficace a coprir bene le occhiaie.

La telefonata all’amica per avere il benestare sul colore del collant, e la scelta dello slip adatto che sussurri ‘’stasera sono tua’’ e non urli disperatamente ‘’cosa stai aspettando’’.

Chilometri a staffetta tra la porta e lo specchio per l’ultima controllata prima di uscire.
Ecco le donne. Quando accettano un invito non lasciano mai nulla al caso.
Ecco le donne. Quando dicono di ‘’si’’.
Capriole di emozioni a mezz’aria. Ovaie in standing ovation. Favole di trecce appese alla torre. Trionfi di brividi sulla pelle.
Mi sento tua. Mi sento strana. Mi sento un po’ deficiente.

 

Interno/ giorno
Mascara colante del giorno prima. Caffè. Facebook. La bacheca di Lui spalancata come una finestra. Lei pensa ad un messaggio non troppo romantico. Non troppo lungo. Non troppo tutto.
‘’Buongiorno’’.
Tempo due minuti. Il messaggio scompare.
Facebook oggi farà i capricci. Ma un sms toglie ogni dubbio. Lui ‘’scusami, ma casualmente ho cancellato il tuo messaggio’’.
Ecco le donne. E’ più facile far entrare un piede in una scarpetta di cristallo che un messaggio dolce nella bacheca di un uomo.
Fammi quello che vuoi. Toccami tutto…ma non la bacheca. Non mi sento ancora pronto.

 

.m